A SORGENTE S.M.P.S.

LA NUOVA CONCESSIONE

 

Per chi cerca prede autoctone e selvatiche un ambiente di pesca mutevole con le stagioni e gli eventi atmosferici, piuttosto impegnativo fisicamente pur se domestico, le suggestive atmosfere degli ambienti del Fiume Brenta dell’Alta Padovana sono lo scenario perfetto per la pesca di grandi predatori selvatici autoctoni quali la trota marmorata del ceppo brenta ed il luccio italico. Nel Brenta dell’Alta Padovana sono presenti inoltre temoli, di tutte le classi di età, persici reali, tutti i ciprinidi autoctoni e un buon numero di anguille. Nel perimetro della Carta Ittica Regionale, in pieno regime da quest’anno, sono presenti anche trote iridee così come trote fario nelle rogge e nei fiumi minori Tergola e Ceresone.

Acquisita la concessione per i prossimi 10 anni, il “Progetto Marmorata” riprende ora slancio e viste le sfide anche climatiche da affrontare molto lavoro ci aspetta per riuscire a garantire una consolidata presenza della trota marmorata in Fiume Brenta ed in un futuro speriamo prossimo il ritorno del temolo Padano (Thymalllus aeliani), obbiettivi per i quali la Sorgente sta consolidando partenariati e collaborazioni con Enti Pubblici e Club di pescatori.

 

IN BASE ALLA CARTA ITTICA REGIONALE

  • In Fiume Brenta, per i ripopolamenti con  trote di pronta cattura, si eseguono immissioni di trote iridee, nel tratto compreso tra i 20mt a valle dal ponte della Ferrovia ed il ponte di Carturo, limitatamente a dove è possibile accedere al fiume con i mezzi adibiti per le semine. Nelle rogge in destra Brenta si eseguono semine di trote fario.

AVVISI PARTICOLARI

In Fiume Tergola, causa la scarsità di acqua non si eseguono semine di trote fario pronta cattura

Tutte le semine di trote pronta cattura vengono eseguite salvo cause di forza maggiore

Nel periodo di asciutta dei canali la PESCA è CHIUSA

Contributi da Enti vari

IN REVISIONE

Progetti, iniziative e supporti per i pescatori

 acquista online la Licenza di Pesca

acquista online la Licenza di Pesca